Gli errori più comuni commessi dai blogger

da | Mag 23, 2020 | Creare un blog

Tutti, primo o poi, commettiamo degli errori, nessuno escluso, neppure io stesso sono stato scevro dal compiere errori. D’altronde, essere blogger non è semplice, affatto.
Come comincia tutto? Apri il tuo blog, scrivi un paio di articoli, cominciano piano piano ad aumentare le visualizzazioni, utenti cominciano a seguirti, ed, improvvisamente, sul più bello le visite calano repentinamente.

Ma qual è la differenza tra un blog di successo e un blog di scarsa popolarità?

Se ti stai chiedendo se è la fortuna a fare la differenza in tutto ciò, la risposta è no, o almeno, non del tutto. Certamente una buona dose di fortuna non fa mai male.
Ma la risposta è no, perché ci sono errori comuni che spesso i blogger commettono senza nemmeno rendersene conto. Alla fine, si convincono che non siano riusciti a raggiungere il successo sperato e meritato a causa di fattori esterni al di fuori del loro controllo.
Purtroppo è qui che la maggior parte dei blogger sbagliano e decidono di terminare la loro esperienza e i loro progetti editoriali.
Non ti preoccupare, sei nel posto giusto, perché a breve comincerò a parlare di qual sono gli errori più comuni commessi dai blogger. Se avrai la pazienza di continuare a leggere scoprirai come potrai evitarli e semplificare le cose.
In realtà, la chiave di tutto è una sola e può essere riassunta in due semplici parole: preparazione e apprendimento.
Preparazione significa saper prevenire gli errori grazie ad un percorso formativo davvero efficace, che fornisca le basi del blogging. Apprendimento significa invece imparare dai propri scivoloni in maniera più rapida possibile.

Perché è del tutto normale commettere sbagli, ma l’unico modo per poter uscire da questo circolo vizioso e autodistruttivo è capire in fretta come risolverli, ma soprattutto recuperare il terreno perso durante questa gara.
Andiamo con ordine e cerchiamo di capire quali siano concretamente gli sbagli soventemente commessi dai blogger e come poterne uscire. Partiamo quindi da un concetto basilare che voglio continuare a sottolineare: non è possibile non commettere nemmeno un errore. Al contrario, gli sbagli diventano un’importante fonte di apprendimento, se sai come far buon uso della lezione che ti insegnano. Tuttavia, evitare di cadere in sbagli comuni ti sarà sicuramente utile a guadagnare un vantaggio non indifferente rispetto agli altri!
Bene, fatta questa doverosa premessa, cominciamo a vedere quali sono gli errori da non commettere.

Primo errore: non essere disposti a investire

Quando parlo di investire non parlo solo in termini di denaro. Parlo anche in termini di tempo, impegno, apprendimento e informazione. Se deciderai di creare un blog di successo, non dovrai per forza spendere centinaia di migliaia di euro, ma dovrai essere disposto a investire tempo e qualche soldo per partire preparato e soprattutto migliorare le tue capacità di blogging.
E per quel che riguarda il mondo dei blog, quali sono le basi? L’informazione e la formazione.
È fondamentale seguire almeno un corso di preparazione, che possa fornirti le conoscenze utili a diventare un vero blogger e guadagnare seriamente. A questo proposito, voglio consigliarti un corso base che è davvero efficace per apprendere i concetti fondamentali per creare il tuo blog.
Parlo delle videolezioni Blogging Professionale: il metodo completo con WordPress.
Questo utile percorso formativo lo trovi su Udemy, una delle piattaforme di formazione online di famose al mondo.
Questo corso ti insegna come dar vita a un blog di successo, realizzare contenuti interessanti e di valore, posizionare correttamente il tuo sito su Google con l’ottica SEO e diventare così un blogger popolare e apprezzato.
E, perché no, guadagnare anche per il tempo che avrai speso in questo progetto

Secondo errore: estetica poco accattivante

L’estetica fa parte della vita ed è capace di cose straordinarie. Persino il contenuto informativo più povero cambia subito faccia con l’aspetto giusto. È quindi fondamentale armarsi di pazienza e scegliere con attenzione una tema interessante ed accattivante per il tuo blog. Ricorda però che, in questo caso, non devi esagerare.
Se ci sono troppi colori, motivi confusi e mischiati tra loro, il risultato è un mix che distoglie troppo l’attenzione dal contenuto centrale. Un buon suggerimento può essere quello di restare su pochi colori, declinati però in diverse scale cromatiche.
Temi lineari ed eleganti, che valorizzino i contenuti della tua pagina senza sovrastarli.

Per farlo, ti occorrerà una selezione di temi. Ti suggerisco di dare un’occhiata ai temi grafici su ThemeForest, una piattaforma con tantissime possibilità di scelta. Il vantaggio principale è che Themeforest da la possibilità di scegliere tra migliaia di temi già ben funzionali, con una grafica interessante e che quindi non richiede particolari modifiche.
Un’alternativa altrettanto vantaggiosa è Divi. Divi è un tema WordPress che possiede un page builder visuale molto efficace. È sviluppato da Elegant Themes, una delle agenzie di template WordPress più conosciute dei giorni nostri e più apprezzate in tutto il mondo. Dai un’occhiata ad entrambi i servizi, ne potrebbe valere la pena.

In secondo luogo, valuta attentamente che tipo di messaggio vuoi comunicare.
Se ad esempio vuoi creare un blog personale, non ti occorre per forza investire centinaia di euro per un tema creato ad hoc.
Al contrario, un’azienda che vuole trasmettere un’immagine molto professionale, probabilmente investirà parecchio per lo sviluppo di un tema iconico. In generale, quindi, adatta il tema al tuo stile di comunicazione. Immagina la tua attività in termini di brand e di immagine. Per trovare il tema perfetto per il tuo blog devi capire come riflettere il tuo pubblico, cercando tra quelli che meglio si adattano al tuo stile e ai tuoi articoli. Anche dal punto di vista tecnico, infatti, la struttura è fondamentale: deve adattarsi al tuo modo di posizionare i contenuti.

Terzo errore: titoli poveri e generici

Molti credono che i titoli dei testi presenti sui blog siano poco importanti. Questa presa di posizione nasce da un pensiero errato. Lo sapevi che ci sono addirittura persone appositamente pagate per ideare i titoli migliori da dare a centinaia di migliaia di testi?
Un titolo è molto più di qualche frase messa insieme: è un riassunto in pochissime parole, un concetto, un’idea, un concentrato di informazioni. Ma, prima di tutto, deve catturare l’attenzione. Senza un titolo accattivante, non arriveranno click sul blog. Perché, pur avendo contenuti interessanti e ben scritti, il titolo sbagliato può rovinare tutto e farti perdere centinaia di migliaia di visite.
Dovrai quindi pensare a fondo e investire del tempo per trovare il titolo perfetto per il tuo contenuto. Pensalo con attenzione e concentrati su come catturare l’interesse del lettore riguardo il concetto che desideri comunicare. Sia ben chiaro non parlo di clickbait, vale a dire titoli ingannevoli o creati al solo scopo di attirare visite, ma di includere parole e frasi che siano facilmente cercate su diverse piattaforme e per un periodo di tempo più lungo possibile. Procedi con tutta calma e trova il titolo perfetto per ogni tuo articolo.

Quarto errore: non aggiornare il blog

Il non aggiornamento del proprio spazio web è un errore fatale, commesso dalla maggior parte dei nuovi blogger. Tendono a concentrarsi esclusivamente sulla grafica e sul design del loro blog e tralasciano l’aspetto concreto di efficienza dei contenuti.
Così facendo, rischiano di perdere un sacco di tempo e di guadagni. Se il tuo blog è bellissimo ma privo di contenuti aggiornati, verrà ammirato dagli utenti solo per pochi secondi. Se invece il blog è aggiornato periodicamente, rivisitato e ben mantenuto, l’attenzione dei visitatori rimarrà catturata per ore. Perché gli utenti non solo vedranno il blog, ma ne leggeranno i contenuti.

Ed è questo il vero obiettivo!

Un blog che rimane fermo per mesi è il primo motivo per cui non ottiene successo ed è anche il motivo principale per cui difficilmente le aziende propongono partnership ed è anche, se mi permetti, uno spreco di tempo.
Perché investire poche ore per pubblicare un articolo al mese che porta solo limitati visitatori, e quindi pochissimi guadagni, non è un investimento.
Conviene invece investire tempo per conseguire alte visual, che riescano a portare ad opportunità di partnership. A loro volta, le affiliazioni porteranno sponsorizzazioni, che incrementeranno fortemente i guadagni ed anche i visitatori. Aggiornare il proprio blog, comunque, non significa solo pubblicare cose nuove.

Significa anche migliorare quelle vecchie.

Rileggi i tuoi articoli: se sono di scarsa qualità, magari perché nel frattempo sei migliorato nella stesura e nella pubblicazione, tornaci su. Piuttosto articola nuovamente quello che hai scritto, anche se tu dovessi scrivere l’articolo da capo.
Se ti accorgi che le immagini inserite hanno poco impatto emotivo, sono esteticamente brutte o possono essere migliorate, approfittane. Ridimensionale, ritoccale, aggiungi cornici interessanti e modificale con programmi dedicati. Non accontentarti di aggiungere immagini o elementi mediocri, migliora sempre il migliorabile ed aggiungi nuovi contenuti, che possano aumentare le visite e mantengano gli utenti incollati al tuo blog!

Quinto errore: dimenticare l’Affiliate Marketing

Il Marketing di Affiliazione ti permette di guadagnare anche grandi somme di denaro tramite commissioni derivanti dalla vendita dei prodotti proposti da shop online, enti o negozi. Tali commissioni possono essere ad importo fisso o rappresentare una data percentuale di vendita. Su Amazon, ad esempio, per ogni vendita che porti ti viene corrisposta una percentuale del totale che può variare dal 3% al 12%. Ti starai sicuramente chiedendo perché qualcuno dovrebbe corrisponderti fino al 12% di commissioni. La risposta è semplice: perché tu stai facendo pubblicità, incrementando le vendite e ponendo le basi per la conoscenza di nuova clientela per l’azienda. Dal lato opposto, i tuoi utenti avranno modo di accedere ad offerte esclusive o conoscere prodotti nuovi, magari con connesse opportunità di risparmio. Per te è invece un metodo di guadagno davvero geniale, perché ti potrà portare:

  • Guadagno diretto, con la percentuale o l’importo fisso derivante dalla vendita dei prodotti
  • Nuovo materiale su cui puoi scrivere
  • Incremento del numero di visitatori (e quindi di guadagni)

Ti starai chiedendo come iniziare questa nuova parte dell’avventura immagino: te lo spiegherò a breve.
Prima, però, voglio invitarti a riflettere sull’importanza di un ultimo fattore. Perché esso rappresenta il primo motivo per cui non bisogna cadere nell’errore di dimenticarsi dell’Affiliate Marketing.L’Affiliate Marketing possiede un eccellente equilibrio tra rendimento e rischio.

Non è particolarmente complesso da impostare, se riuscirai a comprenderlo e di conseguenza usare questo strumento nel modo giusto, e potrà permetterti di guadagnare in maniera piuttosto rapida e in modo totalmente passivo.
Lo svantaggio è che, inizialmente, tali guadagni saranno piuttosto bassi.
Ma non preoccuparti: un piano di Affiliate Marketing ben fatto ti permetterà di accrescere gli introiti finanziari senza troppi problemi!
Vediamo subito come fare.

Voglio consigliarti un corso eccellente per apprendere tutte le strategie di affiliazione ed avviare una proficua attività di vendita su commissioni di prodotti Amazon. Con questo corso scoprirai come individuare i vari prodotti Amazon che potrai promuovere, come costruire un sito di Marketing di Affiliazione tramite WordPress e come impostare un piano editoriale su misura. In questo modo, potrai generare anche tu guadagni e introiti finanziari vantaggiosi.
Non solo: questo corso proposto sulla piattaforma formativa Udemy potrà insegnare anche a scrivere contenuti interessanti per convincere l’utente all’acquisto dei prodotti affiliati.
È utile anche per imparare a strutturare un metodo di lavoro perfetto per guadagnare dalle tue passioni. Un altro vantaggio esclusivo di questo corso è che ti insegna anche a gestire il tuo sito di affiliazione in ottica SEO, per apparire tra i primi risultati nell’elenco delle ricerche degli utenti.
Grazie alle videolezioni del corso Affiliate Marketing con Amazon e WordPress, potrai impostare un sito web di affiliazione di grande successo, anche se magari hai una conoscenza limitata o nulla di WordPress.
Il corso ti presenterà tutte le strategie e i trucchi per costruire una pagina redditizia grazie alla promozione dei prodotti venduti da Amazon. Vediamone insieme i contenuti.
Dopo un’introduzione ad hoc e la presentazione del gruppo Facebook del corso, ti verrà mostrato come cercare la nicchia di mercato di riferimento e delle parole chiave per il sito di affiliazione. Un opportuno approfondimento riguarderà poi la scelta del nome a dominio e, successivamente, la progettazione della struttura del tuo sito. Due intere lezioni sono dedicate alla registrazione ad Amazon Affiliate Program e ben diciassette videolezioni ti insegneranno a costruire il tuo sito web con WordPress. Infine, dopo l’apprendimento su come si stendono contenuti orientati alla vendita, potrai iniziare a guadagnare con le tue nuove conoscenze!

Con un totale di ben 59 lezioni ed oltre 6 ore di contenuti, Affiliate Marketing con Amazon e WordPress ti darà accesso illimitato al corso completo, con aggiornamenti e possibilità di accesso tramite smartphone e TV.
E non finisce qui: al termine del corso, ti verrà attribuito un certificato di partecipazione. Il corso è pensato principalmente per tutti coloro che sono alle prime armi con il blogging e si stanno avvicinando al mondo dell’Affiliate Marketing. È infatti un percorso formativo strutturato in maniera semplice ma estremamente efficace, per poter essere facilmente compreso da tutti. Sono proposti esempi pratici per chiarire al meglio tutti gli aspetti teorici e qualunque dubbio può essere risolto nell’apposita sezione di Udemy. Grazie al gruppo Facebook dedicato, inoltre, potrai confrontarti con gli altri studenti e il docente, per approfondire concetti e argomenti che ti interessano.

Cosa stai aspettando?
Inizia a guadagnare adesso con l’Affiliate Marketing e non lasciarti scappare l’opportunità di frequentare un corso creato su misura!

Cosa ne pensi di questo articolo?

Clicca su una stella per votare

Voto medio: 5 / 5. Voti totali: 2

Non ci sono voti ancora. Sii il primo!

Potrebbero interessarti anche…

Come fare Affiliate Marketing sul blog

Se hai deciso di cominciare a monetizzare il tuo blog, fare Affiliate Marketing è una delle modalità più profittevoli che puoi implementare per cominciare a generare rendite passive dal tuo progetto. Ma come funziona il mondo dell'Affiliate Marketing? Cosa serve per...

Come generare traffico dai social network sul tuo blog

Esistono varie statistiche che possono dimostrarti quanto i social media siano dei fantastici strumenti per generare un traffico web da indirizzare sul tuo sito online o sul tuo blog. Per questa ragione, oggi ti propongo questo articolo in cui andrò a mostrarti alcuni...

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. Come funziona il lavoro di un blogger? - Filippo Calabrese - […] Vuoi farti un’idea dei principali errori commessi dai blogger? Allora leggi anche questo articolo […]

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This