Cos’è un blog?

da | Mag 23, 2020 | Creare un blog

Se stai cercando informazioni utili su come creare un tuo blog, ma sei confuso su cosa sia realmente, sei giunto nel posto giusto! Questo articolo ti chiarirà le idee su cos’è un blog, su come si differenzia rispetto ad altri sistemi informativi e quali siano le sue caratteristiche principali.
Partiamo dalle basi!
Probabilmente se cerchi nei meandri del web troverai una definizione formale che suona più o meno così:

“un blog è un sito web personale che si sviluppa tramite testo, con una forma simile a quella di un diario web o come strumento di informazione indipendente; è inoltre aggiornabile dall’utente in qualsiasi momento, per mezzo di un apposito software”

Se ci hai capito ben poco, non preoccuparti, è normale.
Una definizione approssimativa non aiuta. Ci vuole molto di più per comprendere cosa sia un blog e cosa non lo sia!

Cos’è un blog

Per capire al meglio cos’è un blog, partiamo dall’elemento più interessante, quello che riguarda la vera natura del blog: è uno strumento di comunicazione, molto stimolante, ricco di creatività. Permette di esprimerti in maniera libera e fantasiosa, dal momento che il blog ha un carattere personale e che ti permetterà anche di guadagnare, se riesci ad avere un buon successo: visto che i tuoi testi saranno unici, così come lo stile di scrittura, questi concorreranno per creare il carattere del blog insomma, la sua “anima“.

Ne consegue, come capirai, che il blog non è soltanto una pagina asettica puramente informativa, ma sarà obbligato a presentare contenuti interessanti provenienti dalla tua creatività.

Ma non è tutto! Il blog è soprattutto uno strumento di interconnessione. Lo stile potrà essere emotivo, divertente, spensierato, rilassato o pacato, ma dirà tutto di te. La cosa importante è che rispecchi la tua scrittura e il suo stile di comunicazione con l’esterno.

Dal punto di vista dei contenuti, i blog possono trattare uno o più argomenti specifici: si va dall’arte, alla vendita di prodotti, dalla promozione di brand, alle riviste personali, hobby, moda, didattica, scienza. Non ci sono limiti, può riguardare qualsiasi delle tue passioni.

Il blog è un aggregato di contenuti multimediali

Il blog contiene, nel 99% dei casi, immagini, video, collegamenti utili per catturare l’attenzione del pubblico, spiegare meglio dei concetti e suscitare interesse o stimoli. Può essere un’esplosione di colori o, perché no, anche un contenuto in total black & white.

A proposito di temi grafici per il tuo blog, ti consiglio di dare un’occhiata ai temi grafici su ThemeForest: è uno dei migliori marketplace per procurarti temi in WordPress, ma anche per HTML.

Però ricorda, importante quanto l’estetica del tuo blog, lo sarà anche la revisione e l’arricchimento dei contenuti.
Devi sempre tenere a mente la caratteristica principale del blog: vanno aggiornati!
Si, perché una grande idea lasciata a prendere polvere nella rete e abbandonata a se stessa è uno spreco totale. Oltre che un vero peccato.

Il punto forte di un blog è il continuo aggiornamento di contenuti

I blog vanno rivisti con una certa frequenza di aggiornamento.
Una volta a settimana? Una volta all’anno?
La risposta corretta è: dipende.

Le tempistiche migliori per gli aggiornamenti hanno molto a che vedere con l’uso che farai del tuo blog. Non ci sono regole precise in merito alle tempistiche minime di aggiornamento e la risposta migliore che chiunque possa darti in merito a questa domanda è che il tuo blog deve essere aggiornato ogni volta che questo lo richiede.

Ad esempio, se nella tua nicchia si sta parlando di un argomento particolarmente caldo, dovresti sicuramente scriverci sopra un contenuto. Se un tuo post è diventato in qualche modo obsoleto, dovresti aggiornarlo, e così via.

In passato la risposta a questa domanda era ben diversa. Infatti Google premiava maggiormente i blog aggiornati più di frequente rispetto a quelli che postavano meno contenuti ma di miglior qualità.

Oggi invece questa tendenza si è (giustamente) invertita e Google tende invece a premiare quei blog che postano meno contenuti, ma di maggiore qualità e che tengono aggiornati nel tempo i propri articoli.

Il blog è una potenziale fonte di guadagno per il blogger

Se fino ad ora potresti aver pensato che scrivere un blog possa essere soltanto un hobby, devo smentirti. Il blog, infatti, può diventare una vera e propria fonte di reddito per il blogger.

Ci sono infatti diversi modi con cui è possibile monetizzare il proprio blog e nello specifico ne ho parlato in questo articolo (monetizzare un blog).

La cosa interessante del monetizzare un blog è il fatto che si viene pagati per parlare della propria passione e la potenziale rendita economica è davvero alta.

Un tempo si poteva monetizzare soltanto con la vendita di spazzi pubblicitari, oggi invece la situazione è ben diversa. Leggi l’articolo che ti ho linkato sopra. Non te ne pentirai. 🙂

Sempre a riguardo della monetizzazione, lascia che ti consigli anche di dare un’occhiata al mio corso di  Affiliate Marketing con Amazon e WordPress, che spiega come individuare i migliori prodotti di Amazon da promuovere sul tuo blog.

È una base ideale per costruire un sito affiliato con WordPress e strutturare un blog di successo per generare lauti guadagni.
Con questo corso, infatti, imparerai a costruire il tuo blog scegliendo, con efficacia, i prodotti Amazon da trattare, aggiungendo funzionalità personalizzate e sviluppando un vero e proprio piano editoriale.

Cosa NON è un blog

Ora che ti ho mostrato cos’è un blog, e quali siano le basi del suo funzionamento, è necessario chiarirti alcuni aspetti, come ad esempio, cosa non è un blog.

Per cominciare, sappi che un blog non è un sito web. Semmai è il sito che può essere, avere o NON avere affatto un blog al suo interno.

Ti mostro uno per uno i casi che ti ho appena citato, così potrai capire meglio.

Il sito è un blog

Se il sito è un blog, significa che tutto il sito web è strutturato e sviluppato come blog, con un argomento specifico che viene trattato sotto diversi punti di vista.

In altre parole, non sei in grado di distinguere dove finisce il sito e dove comincia il blog perché tutta la pagina è strutturata nello stesso modo, segue lo stesso filone e si sviluppa sotto forma di blog.

Il sito che stai leggendo in questo momento, ovvero il mio sito, è a tutti gli effetti un blog.

Il sito HA un blog

Nel secondo caso, invece, parliamo di siti che hanno uno o più blog.

La differenza fondamentale rispetto al primo esempio, è che potrai essere davanti ad un sito che, tra le altre cose, conterrà un blog ma non sarà unicamente costituito da questo.

In questi casi, generalmente, il blog è contenuto in una sezione dedicata del sito. Questo perché la pagina web in questione possiede dei blog, ma il contenuto principale non sono articoli.

Un caso particolarmente comune di siti web di questo tipo è quello dei siti web aziendali, in cui il blog viene utilizzato esclusivamente per diffondere informazioni, aggiornamenti e promuovere i prodotti o i servizi dell’azienda.

Lo scopo non è pertanto quello della pura condivisione attraverso i blog, ma generalmente il fine è quello di guidare il traffico degli utenti ai post e, tramite essi, condurli al sito.

Un’eccellente strategia di marketing ed anche un modo di informare le persone.

Il sito è solo un sito

Infine, ti parlo dell’ultima opzione: il sito è solo un sito online.

Si tratta di una pagina web autonoma, priva di contenuti riconducibili a blog di alcun genere: in questo caso, la pagina web, esiste senza un blog come sito autonomo.

Ti appare quindi logico che ogni sito abbia la possibilità di aggiungere uno o più blog, ma in questo caso non inserire nulla di simile è una scelta.

In genere, i siti puri, di vecchio stampo, come quelli di quest’ultimo esempio, sono realizzati con uno stile oggettivo e impersonale, volutamente non coinvolgente.

Per farti un esempio di siti di questo tipo puoi pensare ad esempio al sito web di un piccolo ristorante, che contiene solo le classiche pagine:

  • Home
  • Contatti
  • Chi siamo
  • Menu

Senza offrire alcun tipo di contenuto multimediale riconducibile a un blog .

Con questo, spero di averti chiarito cosa è e cosa non è un blog.

Prima di introdurre la parte più importante, quella relativa alla formazione per la creazione e l’apprendimento delle strategie di sviluppo del tuo blog, vorrei rispondere a una domanda che sicuramente ti è venuta in mente:

Ora che sai cos’è un blog, vediamo come fare a crearne uno

Ora che sai cos’è un blog, sicuramente ti sarà venuta un po’ di curiosità e vorrai sapere anche come fare a crearne uno.

In merito alla creazione di un blog, ho scritto un articolo molto lungo e approfondito in merito (Come aprire un blog). In questo articolo, ti faccio comunque un breve sunto degli strumenti principali che dovrai utilizzare.

Se pensi che creare un blog possa essere un’operazione complessa e che questo richieda conoscenze approfondite di programmazione, allora lascia che smentisca il tuo pensiero. Creare un blog, al giorno d’oggi, è diventato infatti molto semplice per quanto riguarda la parte tecnica.

Per quanto riguarda i contenuti c’è da parlarne un po’, ma a questo arriviamo dopo.

Rispetto al passato, quando il blog bisognava programmarselo per conto proprio, oggi per andare online con il proprio progetto è sufficiente avere a disposizione tre cose:

  • Un buon piano di hosting
  • Un dominio
  • Un CMS per la gestione dei contenuti, ovvero WordPress

Vediamo nello specifico cosa sono questi tre strumenti e come fare a ottenerli.

Hosting e Dominio

I primi due strumenti che ti serviranno per aprire il tuo blog, adesso che sai cos’è un blog, sono un dominio e un piano di hosting.

Il dominio è semplicemente l’indirizzo web del tuo blog, quello che i tuoi utenti digiteranno nella barra del browser per venire a trovarti.

L’hosting invece è lo spazio fisico sul web a cui il dominio punta. è come avere un Hard Disk connesso a internet a cui chiunque abbia l’indirizzo può accedere per visionare post, immagini, video e tutto quello che deciderai di pubblicare.

Entrambi questi strumenti possono essere acquistati da un Hosting Provider, ovvero una società specializzata nella vendita di questo tipo di servizi.

Di seguito ti consiglio gli Hosting Provider che utilizzo personalmente per i miei siti e per quelli dei miei clienti. Qualunque sia la tua scelta, puoi tranquillamente orientarti sul piano di hosting più economico, dato che cominci adesso

SiteGround

cos'è un blog e come crearlo con SIteGround

Un servizio di hosting eccezionale per il tuo blog è sicuramente SiteGround, che possiede un’interfaccia in italiano e offre tre possibili piani di abbonamento mensile:

  • StartUp, l’opzione perfetta per te che cominci adesso e vuoi tradurre la tua idea di blog in un business di successo
  • GrowBig, ideale se vuoi crescere il tuo blog già esistente
  • GoGeek,l’abbonamento per i Pro.

BlueHost

cos'è un blog e come crearlo con BlueHost

Un altro servizio di hosting che vale la pena nominarti è sicuramente Bluehost, il primo hosting raccomandato dallo stesso WordPress. Anche in questo caso, potrai optare il piano che meglio si adatta al tuo blog, poiché potrai scegliere tra tre possibilità di abbonamento:

  • WordPress Hosting, se vuoi costruire un nuovo blog e farlo crescere
  • WordPress Pro, ideale per blog di successo già avviati e ben strutturato
  • E-Commerce, l’offerta dedicata alla vendita

Un altro vantaggio che Bluehost offre è un servizio di supporto costante, 24/7, con oltre 750 operatori pronti ad aiutarti.

Cos’è un blog: di cosa posso parlare nel mio blog?

Per quanto concerne i contenuti, potrai parlare praticamente di quel che vorrai.

Alcuni esempi:

  • Un brand particolare e le sue nuove uscite
  • I prodotti che hai apprezzato maggiormente
  • Un allenamento di successo al quale ti sei sottoposto
  • I tuoi negozi preferiti
  • I libri più belli che hai letto
  • I videogiochi che ami
  • I migliori prodotti di bellezza che hai provato

Insomma, qualunque sia la tua passione, potrai portarla all’interno di un blog dedicato. Diffida di chi ti dice che “lo spazio per chi entra adesso è finito“. Chi dice questo, infatti, semplicemente non ha alcuna conoscenza in materia di blogging.

Non soltanto potrai parlare delle tue passioni: potrai usare il tuo blog anche per confrontarti con gli altri e chiedere consiglio, dare libero sfogo alla fantasia e alla creatività con immagini, video e collegamenti.

Sii creativo e non dimenticare un aspetto davvero importante: la connessione con i tuoi lettori.

La connessione con i tuoi lettori è fondamentale ed è quella a rendere il tuo blog un successo e a permetterti di crescere e anche di guadagnare. Ricorda anche che un blog di successo non è necessariamente un sito pieno zeppo di contenuti e con un vasto pubblico che lo segue sporadicamente.

Al contrario, alcuni piccoli blog fanno centinaia di migliaia di euro di guadagno grazie alla loro profonda connessione con i propri lettori, che seguono ogni aggiornamento e si interessano ad ogni partnership.

È fondamentale, per il blogger, essere seguito con costanza così da poter collaborare con aziende e brand del settore della nicchia di cui ha scelto di farsi promotore.

Cos’è un blog: tiriamo le conclusioni

Tiriamo le conclusioni.

Abbiamo parlato di cos’è un blog e di cosa invece non è. Abbiamo visto che un blog è un aggregato di contenuti multimediali che girano attorno a una specifica nicchia.

D’altra parte abbiamo visto anche che ci sono vari modi di fare (o non fare) blogging. Aabbiamo parlato anche di cosa è possibile parlare all’interno di un blog.

Non da meno, abbiamo visto che tramite un blog è anche possibile guadagnare.

Ora che sai tutto questo, hai un’infarinatura generale di questo mondo, ma che ne dici di fare un ulteriore passo e costruire il tuo blog personale?

Il corso, che ho realizzato e ti consiglio, è sulla piattaforma Udemy e si chiama Blogging Professionale: il metodo completo con WordPress.

Con questo percorso formativo, potrai imparare a costruire il tuo blog in maniera efficace, anche se, al momento, sei privo di esperienza .

Non solo, questo ti permetterà anche di scegliere, in maniera opportuna gli argomenti da trattare sfruttando l’ottica SEO per posizionarti tra i primi risultati di ricerca.

Potrai acquisire le conoscenze necessarie per aggiungere funzionalità, temi personalizzati all’interno del tuo blog e sviluppare in modo efficacie il tuo piano editoriale.

Questo corso ti permetterà di apprendere anche le basi perfette per iniziare ad utilizzare in maniera consapevole, ma soprattutto professionale, i principali strumenti di blogging, vale a dire:

  • Google Analytics, per il monitoraggio del comportamento degli utenti che visitano il tuo blog
  • Google Search Console, per far conoscere a Google il tuo blog ed aumentare le visite
  • WordPress, per sfruttare al massimo le funzionalità di questo strumento, anche se non lo conosci e non lo hai mai usato prima
  • SEO e strumenti di User Experience, per accrescere la popolarità del tuo blog

Questo, è un corso adatto sia ai principianti che ai più esperti, perché ti permetterà di creare un tuo personale metodo di lavoro efficace.

In questo modo, potrai raggiungere velocemente grandi risultati e imparerai anche a proteggere il tuo blog da attacchi esterni.

È strutturato in maniera precisa e funzionale: l’introduzione si sviluppa a partire dalle basi del blogging, con la risposta alle principali domande ed un utile quiz alla fine di ogni capitolo.

Fornisce poi un primo sguardo a WordPress e al suo funzionamento, per poi passare alla corretta impostazione dei contenuti sul tuo blog.

Un intero capitolo è dedicato all’ottica SEO, tema imprescindibile per diventare un blogger di successo.
Un approfondimento, eccezionale, è poi quello che riguarda la User Experience e la creazione di contenuti per individuare le idee migliori per scrivere i tuoi articoli.

Ti consiglio questo corso anche perché fornisce delle conoscenze specifiche difficilmente riscontrabili in altre videolezioni online.

Ad esempio, un intero capitolo è dedicato alla sicurezza, per rendere WordPress più protetto da attacchi esterni.
Un percorso formativo composto da ben 71 videolezioni per un totale di quasi 7 ore.

Non è tutto: acquistando il corso Blogging Professionale: il metodo completo con WordPress di Udemy non solo avrai a tua disposizione tutti i video in qualsiasi momento, ma potrai avere accesso anche a tutti gli aggiornamenti per sempre.

Se vuoi, potrai entrare nel gruppo di Facebook dedicato al corso, così da poterti confrontare con altre persone e condividere i tuoi pensieri e le tue considerazioni.

Ricorda: non si nasce come blogger, ma si può imparare a esserlo! 🙂

Cosa ne pensi di questo articolo?

Clicca su una stella per votare

Voto medio: 5 / 5. Voti totali: 2

Non ci sono voti ancora. Sii il primo!

Potrebbero interessarti anche…

Come fare Affiliate Marketing sul blog

Se hai deciso di cominciare a monetizzare il tuo blog, fare Affiliate Marketing è una delle modalità più profittevoli che puoi implementare per cominciare a generare rendite passive dal tuo progetto. Ma come funziona il mondo dell'Affiliate Marketing? Cosa serve per...

Come generare traffico dai social network sul tuo blog

Esistono varie statistiche che possono dimostrarti quanto i social media siano dei fantastici strumenti per generare un traffico web da indirizzare sul tuo sito online o sul tuo blog. Per questa ragione, oggi ti propongo questo articolo in cui andrò a mostrarti alcuni...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This